• Woyzeck – ricavato dal vuoto
  • di Balletto Civile

  • DA_DOVE_STO_CHIAMANDO
    un progetto per il teatro

    Georg Büchner
    WOYZECK – ricavato dal vuoto

    nuova traduzione Alessandro Berti
    con Maurizio Camilli, Andrea Capaldi, Andrea Coppone, Francesco Gabrielli, Raffaele Gangale, Filippo Gessi, Michela Lucenti, Carlo Massari, Gianluca Pezzino, Emanuela Serra
    musiche originali Mauro Montalbetti
    luci Stefano Mazzanti
    ideazione, scrittura fisica e messa in scena Michela Lucenti
    produzione Fondazione Teatro Due – Balletto Civile

    “l’uomo è un abisso, ti gira la testa a guardarci dentro.”

    Capolavoro incompiuto, Woyzeck è ancora oggi un testo di culto. La scrittura di Büchner trova forza in una spiazzante conoscenza dell’animo umano, nelle sue bizzarrie scientifiche, nel disequilibrio violento tra libero arbitrio e disagio mentale: tutto questo fa di quest’opera un dramma attualissimo, che non si limita a indagare il fascino dell’assurdo, l’ingiustizia della violenza o l’oppressione del militarismo. Non ci sono né vinti né vincitori in questa tragedia da Cronaca Vera.
    Woyzeck
    è costruito come un organismo brulicante di situazioni, una scena-processo in continuo movimento, dove l’uomo viene messo davanti alla propria miseria, risponde come una bestia; in esso l’istinto della purezza schiaccia il controllo della ragione e l’umanità torna alle sue origini dalle quali, forse, non si è mai allontanata troppo.
    Per questo la tentazione di attualizzare questo dramma è forte, rischiosa; per questo abbiamo pensato ad un “nuovo” Woyzeck di oggi, con tutte le sue debolezze e precarietà.
    La traduzione di Alessandro Berti durante le prove è stata mangiata, rimescolata, spezzata o riassunta, fino a costruire una drammaturgia a stazioni, una via crucis dove le parole, con la loro portata visionaria, si fanno spazio in una densità scenica comunitaria, dentro un’azione puntuale e profonda, patteggiando con l’urgenza dei corpi, che si fanno personaggi.
    Disequilibrio fisico e dell’intenzione.
    La parola agguanta i corpi, li penetra, li scava, li indaga fino a spogliarli dal pensiero; un limite sottile e vulnerabile sul precipizio dell’azione, che si affanna in un respiro irregolare, scivola sordo in un vuoto silenzioso.
    La colonna sonora è originale, voce e corpo divengono propulsori di ogni riverbero emotivo. La partitura musicale, composta da Mauro Montalbetti, ritmica e incalzante, ha avuto come punto di partenza una ricerca vocale per un personaggio solo, un prologo primitivo e contemporaneo che evoca il mondo interiore dilaniato, allucinato, di quell’intera comunità, che racconta dell’uomo e della bestia.
    La drammaturgia musicale è articolata in una complessa e rigorosa struttura formale; un pianoforte in scena orchestra l’azione e contrappone atmosfere rarefatte e cangianti a gesti sonori, violenti ed incisivi.
    L’impianto scenico essenziale, modificato dagli attori, si compone di otto piccole sedie, inadeguate, immobili, quasi invisibili, che trattengono l’azione, ne sono partenza e arrivo; trattengono il pensiero, che si perde in una doccia di latte, in un mare disordinato di cereali.
    Corpi vicini all’affogare insieme, inesorabilmente condannati alla propria miseria, uguali e colpevoli. Terribilmente simili a qualcosa in cui riconoscersi.
    La rivoluzione è nell’azione.

    Per prenotazioni scrivere a prenotazioni@angelomai.org

  • Servizi disponibili:
  • Prezzo dell'evento: 9 euro, Ridotto per under 25: 7 euro