• Stefano Scarfone Quintet
  • con Juan Carlos Albelo Zamora, Marcello Allulli, Israel Varela e Carmen Iuvone
    ospiti: Maurizio Filardo, Claudio Mosconi, Caterina Palazzi e Andrea Pesce

  • La penna di Gianmichele Taormina definisce l’ultimo album di Stefano Scarfone come “un lavoro che brilla intensamente di una speciale densità poetica. Di un’autenticità pura e unica nel suo genere”.
    Scarfone, chitarrista che spazia dal jazz classico al blues, dal flamenco ai suoni del mediterraneo, dalla musica nordafricana alle  sonorità balcaniche, è in tour a gennaio per presentare il suo nuovo disco Precipitevolissimevolmente.
    Con lui un drummer d’eccezione: funambolico musicista d’origine messicana, Israel Varela è forse il batterista più innovativo della recente storia musicale e vanta collaborazioni con alcuni tra i più grandi nomi della scena mondiale (Pat Metheney, Mike Stern, Diego Amador). Il quintetto è completato da Carmen Iuvone (basso), Marcello Allulli (sax) e Juan Carlos Albelo Zamora (armonica e violino), musicista cubano collaboratore dei Buena Vista Social Club.

    Per il concerto del 10 gennaio all’Angelo Mai, che chiuderà il tour di Scarfone, si alterneranno inoltre sul palco molti ospiti, tra cui Claudio  Mosconi, Caterina Palazzi, Andrea Pesce e Maurizio Filardo.

    Musicista dalla grande varietà espressiva ed una predilezione per la dimensione timbrica asciutta, acustica e dalle sonorità mediterranee ed un suono strumentale elegante e puro evocativo (Luciano Vanni, Jazz It).

    La storia recente ci consegna diversi virtuosi della chitarra, tutti di gran moda e dalla solida tecnica, ben pochi però riescono a fondere abilità e passione con la disinvoltura di Scarfone, che sa far confluire musiche diverse in un unico corso erosivo e piega a suo piacimento le curvature sonore provenienti da ogni dove (Alceste Ayroldi, Musica Jazz).

  • Servizi disponibili:
  • Prezzo dell'evento: 5 euro