• Sogno e son desto
  • appuntamenti estivi all'Angelo Mai

  • L’Angelo Mai viene sgomberato violentemente il 19 marzo dopo quasi 10 anni di intense attività artistiche nella città.
    L’accusa? Quella di partecipare all’associazione a delinquere che la magistratura descrive alla base del Comitato Popolare di Lotta per la Casa.

    L’Angelo Mai con il grande sostegno della città inizia una battaglia legale per impedire che vengano applicate misure cautelari per 14 persone (carcere e confino) e affinché lo spazio venga dissequestrato.

    Il Tribunale del Riesame il 6 maggio stabilisce che nessuna restrizione della libertà personale vada applicata e che l’Angelo Mai debba essere dissequestrato.

    Finalmente il 4 giugno è possibile rientrare negli spazi dell’Angelo Mai, esclusa l’Osteria che manterrà i sigilli.

    Il Comitato Popolare di Lotta per la Casa nel frattempo vive vicende complesse: uno sgombero a due scuole occupate in cui vivevano 73 famiglie, il rientro temporaneo di queste famiglie nelle loro case e poi di nuovo uno sgombero improvviso il 23 aprile. Ora queste famiglie sono sparpagliate per tutta Roma, lontane tra di loro e dal territorio dove avevano faticosamente costruito le proprie vite, alloggiate in appartamenti privati per i quali il Comune sostiene costi altissimi. Queste sistemazioni sono provvisorie. A settembre le famiglie verranno spostate, ancora una volta provvisoriamente, in residence chissà dove e per chissà quanto.

    L’Angelo Mai in questo periodo cerca di riprendere le proprie attività e di ridisegnare una nuova cartografia creativa e umana.
    Non è facile: è stata confermata dal pm l’indagine nei nostri confronti di associazione a delinquere.
    Un’accusa pesante che insieme ai mesi di chiusura e all’impossibilità di aprire il bar per sostenere le nostre produzioni rende tutto molto faticoso.

    La comunità artistica che da anni vive, attraversa e crea all’Angelo Mai sta collaborando e sostenendo anche in questa fase coloro che lo abitano e non finiremo mai di dirle “GRAZIE”.

    La Scuola Elementare Giardinieri fa altrettanto e anche qui dirle “GRAZIE” non è sufficiente. Lo sguardo dei suoi giovanissimi studenti è stato il primo a posarsi sul teatro dell’Angelo Mai nel mese di giugno durante il Laboratorio Centro Estivo. 

    Tanti cittadini e tante cittadine non hanno smesso di incoraggiarci e di condividere il nostro sogno di un teatro indipendente nel cuore della città, di un luogo dove stare bene e costruire un modello di convivenza diverso. Da Roma al resto del Paese ci è arrivato forte il sostegno alla nostra lotta, un sostegno che è andato oltre l’arte e il teatro. Anche qui, dire “GRAZIE” è una piccola cosa.

    SOGNO E SON DESTO cos’è allora?
    Il desiderio di ricominciare a vivere dei momenti comuni dentro all’Angelo Mai liberato fatti di concerti e prove aperte.
    La volontà di creare degli appuntamenti artistici che rispondano con la bellezza al clima cupo e repressivo che c’è a Roma negli ultimi mesi.
    Il desiderio di scandire il tempo con l’arte e con lo scambio e non con gli sgomberi e le intimidazioni di un sistema di potere che brutalmente si rinnova.

    Il sogno a occhi aperti che costruire è meglio che distruggere.

    APPUNTAMENTI

    23 luglio, dalle 15
    PINO MARINO E BLUEMOTION BAND | LO VEDI ECCO MARINO_prove aperte

    24 luglio, ore 21.30
    PINO MARINO E BLUEMOTION BAND | LO VEDI ECCO MARINO_spettacolo musicale
    + impro – duo acustico: Luca Tilli (cello) + Errico De Fabritiis (sassofoni)

    25 luglio, ore 22.30
    Scup e Angelo Mai, con Radio Sonar, Sans Papiers e La Fabbrica presentano
    2PIGEONS
    opening act Laura Palmer is a Bitch!
    a seguire dj set di CRR WRST [radiosonar.net - deep, abstract, minimal, tech house, techno]

    29 luglio
    BALLADS_prove aperte

    30 luglio
    BALLADS_concerto

    8 agosto
    TBA