• Martemagazine Summer Fest
  • Diaframma LIVE

    opening act Management del Dolore Post-Operatorio
    performance Le Gout Interieur & MadCut presenta “Le Carillon, Essenze di Moda”
    sculture Jacopo Mandich [vincitore MarteLive 2010]
    esposizioni Manukalpa
    installazioni Filippo Odorisio-ArtNo Stop presenta “Scorie”
    visual art VJIT³ presenta “The Cube”

    a seguire DJ e VJ SET

  • Il webmagazine di MArteLive dedicato all’arte emergente a 360° festeggia l’inizio dell’estate 2011 con una serata speciale all’Angelo Mai, che vedrà come ospiti speciali i Diaframma, storica band della new wave italiana capitanata dal poeta Federico Fiumani. In apertura, i Management del Dolore Post-Operatorio – una delle nuove band di MArteLabel, l’etichetta discografica di MArteLive – impegnata in questi giorni nella produzione del primo album ufficiale sotto la produzione artistica di Manuele “Max Stirner” Fusaroli (Luci della Centrale Elettrica, Teatro Degli Orrori, Zen Circus).

    Inoltre l’Angelo Mai ospiterà durante la serata la performance Le Carillon, Essenze di Moda a cura di Le Gout Interieur & MadCut, le sculture di Jacopo Mandich, vincitore MArteLive 2010, l’esposizione di Manukalpa e l’installazione di Filippo Odorisio-ArtNoStop.

    E per finire dj e vj set.

    I Diaframma nascono nello stesso contesto musicale e territoriale dei Litfiba: la Firenze “new wave” dei primi anni ‘80. Sull’onda inglese del dark-rock decadente, i Diaframma esordiscono dapprima come cover band dei Joy Division, poi, nel 1982, incidono il loro primo singolo, “Pioggia”, accompagnato dalla b-side “Illusione ottica”. La linea musicale del gruppo è chiara fin dai versi del singolo (La vita / si spegne / tra le gocce di pioggia). Gli splendidi testi del poeta chitarrista Federico Fiumani spingono il gruppo tra i più quotati sulla scena fiorentina dell’epoca. Seguono due singoli, “Circuito Chiuso” (1982) e “Altrove” (Contempo-1983), che confermano le notevoli capacità del quartetto. Dopo parecchie esibizioni nei club fiorentini, spesso insieme ai Litfiba, i Diaframma incidono nel 1984 per l’etichetta indipendente IRA Siberia. Album scarno, diretto ed essenziale, con atmosfere cupe e malinconiche di chiara matrice “post-punk”, Siberia riscuote, con 50.000 copie, un grandissimo successo nelle vendite per la neonata etichetta. Assi portanti dell’album sono la splendida “Amsterdam”, in seguito duettata con i cugini Litfiba, “Neogrigio” e la title-track, pezzi arricchiti dalle magnifiche liriche di Fiumani, vero leader di una band che cambierà ripetutamente formazione nel corso degli anni. Nel 1986 la new wave è morta, e “Tre Volte Lacrime” vuole essere un avvicinamento a melodie più solari ed eclettiche rispetto a quelle tenebrose dell’album precedente, con uno dei più fortunati brani di Fiumani, “Marisa Allasio”, ripreso in seguito dal gruppo napoletano Argine. Resta però dal vivo la dimensione ideale dei Diaframma, molto apprezzati ormai anche fuori Firenze e dominatori indiscussi del circuito underground italiano di quel periodo. “In perfetta solitudine” è prodotto dalla Ricordi, che vede nei Diaframma “redenti” un buon gruppo di rock d’autore. Contando sugli ottimi testi di Fiumani, che non perde la sua vena creativa, la Ricordi tenta più volte di far partecipare al Festival di Sanremo la band, ma Fiumani rifiuta sempre. Negli anni ‘90 i Diaframma continuano su una strada decisamente lontana dal dark-punk dei primi anni, ritornando nel circuito underground con un altalenante successo commerciale. Con “Il ritorno dei desideri” (Contempo – 1994) le liriche accentuano il loro carattere aspro e passionale nonché lo stile personalissimo sottolineato nel caso specifico dalla produzione di Gianni Maroccolo (Csi). Partecipano al progetto anche Francesco Magnelli (che aveva già preso parte come sessionman alle registrazioni di Siberia), Mara Redeghieri (Ustmamò) e Pino Gulli (poi nei Csi). Sempre del 1994 esce l’unico disco a nome Federico Fiumani, “Confidenziale”, emozionante resoconto di una serie di una serie di concerti acustici tenuti in Italia. Nel successivo “Non è tardi” (Abraxas – 1995) prosegue il cammino espressivo intrapreso, lirico e spigoloso, autorevole e suggestivo, illuminato e sempre fedele a se stesso. Sempre nel 1995 i Diaframma vincono il Premio Ciampi, a definitiva consacrazione della poetica di Fiumani. Nel 1996 la band cambia nuovamente etichetta passando alla Flying Records di Napoli, con la quale pubblica l’album “Sesso e violenza”, sospeso fra punk, rock classico e tenere ballate. Due anni dopo esce “Scenari immaginari”, che conferma il buon livello di affiatamento della band e la maturità di Fiumani come autore. I Diaframma, prodotti dalla Self, ristampano nel 2001 i loro primi lavori, ormai difficilmente reperibili, e inoltre raccolgono in due album (“Albori” e “I Giorni dell’IRA”) le sensazioni che avevano portato alla formazione di uno dei gruppi new wave più importanti nel panorama italiano.

    Il Management del Dolore Post-Operatorio nasce nel 2006 a Lanciano, nella provincia abruzzese, dove inizia la gestazione di quello che in poco tempo diventerà il sound caratterizzante della band: un suono grezzo e sporco, accompagnato da testi provocatori, diretti e apocalittici. Nel 2008 pubblicano il primo album “Mestruazioni”, un lavoro che riceve numerosi consensi e inserisce i Made Dopo tra i migliori gruppi emergenti italiani. Grazie anche ad un impatto live folgorante, i quattro abruzzesi vengono scelti per l’apertura dei concerti di importanti artisti come Zen Circus, Nouvelle Vague, Echo & the Bunnymen, Bud Spencer Blues Explosion e Planet Funk. Luca Romagnoli (voce), Marco Di Nardo (chitarra), Andrea Paone (basso) e Nicola Ceroli (batteria) in pochi anni hanno fatto incetta di premi e riconoscimenti: Italia Wave band, Primo Maggio Tutto L’Anno Abruzzo, quarto posto nella Top 50 brand new del MeiWeb con il singolo “Nei Palazzi”, premio speciale per “l’innovazione tecnologica applicata alla musica” (video-pin) al MEI 2010 e infine il “Premio Speciale MArteLabel 2010” con l’ingresso nel roster dell’etichetta. Durante i loro concerti il pubblico si divide tra quelli che rimangono increduli osservando il frontman parlare con velata ironia di matti, eroi vecchi e grassi e di un’esistenza trascorsa tra quattro mura di cemento e tra quelli che si lasciano trascinare fino in fondo alla loro follia. Il loro è un post-punk permeato dalla new wave italiana, ma che si nutre di rock. La loro è una musica DELLA crisi e NON contro la crisi. Il loro impegno “civile” si può definire “nichilistico”perché preso come puro divertimento. Nell’autunno del 2011 è prevista l’uscita del nuovo album con la produzione artistica di Manuele “Max Stirner” Fusaroli, produttore atistico/esecutivo di Le luci della Centrale Elettrica, Zen Circus e Nada.

  • Servizi disponibili: