• Magnetica
  • E D W I G E goes to The Jet Set - fate l'amore non fate la guerra

  • concerto di protesta eseguito da I Mitomani
    ritmi giovani protesta beat, space age pop, wild tunes, shake senora, colonne sonore a go go, exotica
    abilmente selezionati dai disc jockey Luzy L, Silver Boy, Bob Corsi
    immagini immaginifiche La Colonna Infame




  • Art. 1 (2 giugno 2012)
    L’Italia è una Repubblica fondata sull’Amore.

    La sola e unica parata per la festa della Repubblica Italiana a cui valga la pena di partecipare il due giugno è a Terme di Caracalla. Nel tempio di Magnetica senza dei, né tanto meno gerarchie e autorità, abitato da centinaia e centinaia di angeli. Nessuna corona di alloro da depositare qui ma campi sconfinati di girasoli e anemoni, e musica come se piovesse. Una parata senza medaglie al valore e che non reputa un valore l’ostentazione di armi; bensì quella dei colori, dei sorrisi, dei gesti d’amore e condivisione.

    Mettete dei fiori nei vostri cannoni, la proposta storica ma sempre attuale, che ci riporta ad un tempo dove l’arte, la musica e il cinema furono potenti mezzi diffusori di messaggi antimilitaristi e di pace, per la prima volta di portata mondiale; alla rivoluzione per un mondo migliore e pacifista che ha visto come protagonisti studenti, donne, giovani e lavoratori di tutto il mondo. Per abbattere il nepotismo, la vecchia borghesia, il maschilismo, l’omofobia, le discriminazioni e la disparità dei diritti, il militarismo. Ma anche per un riavvicinamento alla natura tout court, alla consapevolezza di una potenza benefica dei fiori da cui nasce il sottomovimento alla fine dei ‘60 diventato storia: il Flower power dei figli dei fiori con la filosofia “peace & love”.

    Nella musica, il Beat Italiano in particolare – tra le materie prime di Magnetica – ha dato voce a tanti gruppi di giovani musicisti, più o meno noti, e si è fatto espressione in maniera forte non solo di un categorico “No alla guerra” ma anche della necessità di una vera rivoluzione culturale per la nostra nazione. A rappresentare quei protagonisti, quelle storie, quei messaggi, per voi il “Concerto di Protesta” de I Mitomani, formazione beat romana da anni impegnata nella rivitalizzazione del repertorio sixties italiano, con un live ad hoc per quest’occasione. In consolle, psichedelici come non mai, più obiettori di coscienza che capelloni, i nostri maestri: Luzy L, Silver Boy e Bob Corsi; alle videoproiezioni allucinogene la nostra guida spirituale La Colonna infame, con estratti da film cult come Hair, Soldati e Capelloni, Io non protesto io amo, e così via.

    Making (Republic) Love sarà il nostro motto, perché se in quest’epoca stan riusciendo a toglierci anche il lavoro – il principale fondamento della Repubblica italiana – l’amore no, non potranno togliercelo Mai.

    DRESS CODE:  Fiori, fiori, fiori! – Hippie urrà – Capelloni & Freak addicted – Hendrix & Joplin


    Magnetica
    è il risultato dell’incontro tra la lunga esperienza di The Jet Set (ideato nel ‘95 da Luzy L e Bob Corsi, è stato il primo evento romano visivo-danzante dedicato all’immaginario della Cocktail Generation con dj e vj-set, proiezioni in super8, itinerante tra terrazze e luoghi inusuali) e il duo La Colonna Infame (resident e ideatori di EDWIGE, da circa due anni portano in giro il loro speciale set composto da selezioni musicali cinematiche e ricercatissime videoproiezioni legato ai decenni ’60 e ‘70).
    Il nuovo happening musicale e visivo della capitale: ispirato alla luna, allo Space Age Look, a icone mondano-divistiche come Brigitte Bardot, Marisa Mell, Anna Karina; alla fantascienza con theremin anni ‘50, agli eurospy-movie leggendari ricalcati sulle avventure di James Bond, alla grafica e al design più cool che siano mai esistiti. Con l’obiettivo di catapultarvi in un immaginario traboccante di suoni e colori, evocativo di mode e stili che hanno segnato e dominato il periodo tra i ‘50 e i ‘70, e che influenzano massicciamente ancora il gusto e l’estetica di oggi.

    I Mitomani Beat si sono formati a Roma nella primavera del 2010 con l’intento di ricreare le atmosfere tipiche della rivoluzionaria stagione del beat italiano. Grazie all’approfondita ricerca dei pezzi, la cura del suono, l’uso di strumentazione d’epoca e non ultimo un look adeguato, ogni loro concerto si trasforma in un autentico tuffo nel passato. Il gruppo è formato da Eve la Blonde alla voce, Marco alla chitarra e voce, Il Maestro alla chitarra e organo, Stazi al basso e Panta alla batteria e voce. Il repertorio comprende molti classici come “Nessuno mi può giudicare”, “Bang bang”, “Ragazzo di strada” ma anche molti brani meno conosciuti. Hanno suonato in giro per la capitale, partecipando all’apertura della stagione 2010/2011 del “Twiggy party”, e per l’Italia. Dal 2010 a oggi hanno pubblicato tre dischi di cover dell’epoca beat.

  • Servizi disponibili: