• IATO ORCHESTRA
  • IATO ORCHESTRA in concerto
    conduction: AMY DENIO / ELIO MARTUSCIELLO

    Amy Denio sax contralto, conduction
    Elio Martusciello laptop, chitarra elettrica, conduction
    Luca Venitucci pianoforte, fisarmonica
    Eleonora Bruni voce
    Michael Thieke clarinetto
    Alipio C Neto sassofoni
    Ersilia Prosperi tromba
    Stefano Di Cicco tromba
    Mario Camporeale trombone
    Enrica Vatteroni trombone
    Francesco Lo Cascio vibrafono
    Luca Tilli violoncello
    Andrea Pesce synth
    Antonia Gozzi elettronica
    Stefano Acunzo basso elettrico
    Roberto Bellatalla contrabbasso
    Gianfranco Tedeschi contrabbasso
    Cristiano De Fabritiis batteria
    Riccrado La Barbera pianoforte, voce e radio

    IATO ORCHESTRA
    Iato Orchestra è un grande ensemble nato spontaneamente da un gruppo
    di musicisti con l’intento di esplorare insieme nuove e diverse
    possibilità creative di fare musica.
    Centro di aggregazione di questa realtà è stata la rassegna Iato, che dal 2003 al 2012 ha organizzato stabilmente concerti di musica di ricerca presso “Il Cantiere”, storico spazio sociale a Trastevere (Roma).
    Dai primi incontri del 2010, fondati sulla libera improvvisazione, il gruppo si è’ poi confrontato con le composizioni e le conduction a cura di Mike Cooper (“Que viva Mexico”), Alvin Curran, Roberto Bellatalla, Tim Hodgkinson, Gianfranco Tedeschi, Elio Martusciello, Luca Venitucci, Stefano Tedesco, Fabrizio Spera.
    Dal 2012 è attiva la collaborazione continuativa con l’Angelo Mai.

    AMY DENIO
    Amy Denio e’ una polistrumentista americana residente a Seattle, compositrice di musica per spettacoli di danza contemporanea, cinema e teatro, songwriter e improvvisatrice. Definita spesso come una musicista avant-jazz difficilmente catalogabile, il suo immaginario si ispira profondamente alla world music. I suoi strumenti sono la voce, il sax contralto, il clarinetto, la fisarmonica, il basso elettrico, la chitarra. Tra i progetti che attualmente la coinvolgono troviamo The Tiptons Sax Quartet (originariamente The Billy Tipton Memorial Saxophone Quartet) e Die Resonanz Stanonczi, un gruppo folk radicale di base a Salisburgo, Austria. Ha anche collaborato con la Pat Graney Dance Company, con la David Dorfman Dance Company, con Victoria Marks, e molti altri coreografi.
    La sua prima uscita discografica e’ “No Bones” , in cassetta, per la sua etichetta, la Spoot Music, nel 1986. Il suo primo LP e’ con The Entropics (1987). Fonda le Tiptones nel 1987, e inizia i Tone Dogs con il bassista Fred Chalenor. Il primo disco dei Tone Dogs, “Ankety Low Day”, viene nominato per un Grammy Award. Da allora ha suonato e registrato con (tra gli altri) : Matt Cameron, KMFDM, Curlew, Fred Frith, Pointless Orchestra, Francisco López, Danny Barnes, Pale Nudes, Blowhole, the Danubians, The Science Group, Chris Cutler, Guy Klucevsek, Pauline Oliveros, Relâche Ensemble, Hoppy Kamiyama, Derek Bailey, Chuck D, Dennis Rea, Bill Rieflin, Quintetto alla busara, Kultur Shock e Shaking Ray Levis.
    Nel 1997 Jazz India le ha commissionato una residenza a Bombay per studiare Thumri, la tecnica vocale del nord dell’India con Dhanashree Pandit-Rai.
    Dal 1988 ha suonato in festival in India, Giappone, Hong Kong, Taiwan, Brasile, Argentina, Nord America, e in Europa dell’Est e dell’Ovest.
    Nel 2007 la Dream Community di Taipei(Taiwan) le ha commissionato un lavoro di arrangiamento, registrazione e produzione di musica aborigena e popolare taiwanese con ritmi samba dal Brasile. Questi arrangiamenti sono stati suonati dagli studenti della tribù Amis di Taiwan alla Camphor Tree School.
    Da più di vent’anni tiene seminari sulla composizione, l’improvvisazione e sulle tecniche vocali estese attraverso gli Stati Uniti e l’Europa.

    ELIO MARTUSCIELLO
    Elio Martusciello (Napoli 1959) è un musicista e compositore autodidatta, di musica sperimentale e insegna musica elettronica al conservatorio di Cagliari.
    Ha studiato fotografia con Mimmo Jodice e arti visive con Carlo Alfano, Armando De Stefano e Rosa Panaro. La sua estetica musicale deriva essenzialmente dall’arte acusmatica, ma oltre alla composizione musicale acusmatica egli compone per strumenti e live electronics, opera nell’ambito dell’installazione d’arte, dei multimedia, delle arti visive e dell’improvvisazione elettroacustica.
    La sua attività artistica
    Ana-Maria Avram, Natasha Barrett, Eugene Chadbourne, Alvin Curran, Chris Cutler, Iancu Dumitrescu, Tim Hodgkinson, Thomas Lehn, Lawrence D. “Butch” Morris, Jerome Noetinger, Tony Oxley, Evan Parker, Giancarlo Schiaffini, Mario Schiano, Z’EV.