• GIUNGLA
  • radici sonore metropolitane

  • GIUNGLA_radici sonore metropolitane

    SABATO 15 LUGLIO
    MARLEY: THE REBEL SONGS 
    Midnight Ravers feat. Sandro Joyeux (Live)

    Tramonto e drinks in Giungla dalle 19.00

    MIDNIGHT RAVERS Supergroup live dalla mezzanotte:
    - Sandrò Joyeux
    - Daniele Coffee
    - Cristiano De Fabritiis
    - Gianluca Ferrante
    - Sebastiano Forte
    - Alessandro Innaro
    - Antonio Ragosta
    - Valerio Vigliar

    DJ Set & Dancehall a cura di :
    ☆ COOL RUNNINGS
    ☆ JOHNNY SOULKITCHEN
    [soul, funk, latin, R&B, jamaican grooves]

    :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Bob voleva aiutare a costruire un ponte più forte tra i neri americani e quelli che dall’Africa erano stati trapiantati nei Caraibi. Bob voleva davvero sfondare in America. Pensava che come artista avrebbe potuto conquistare il pubblico bianco ma come fine e sensibile osservatore della società avrebbe soprattutto toccare con mano le condizioni di vita dei popoli neri oppressi in America. Il dodici per cento della popolazione americana e il novanta per cento della sua popolazione carceraria. Bob ha cercato di mobilitare queste persone e coinvolgerle nel profetico “Movimento del popolo di Jah”.
    Dalla influenza rastafariana degli anni ’70 alla mistica naturale degli anni Novanta, Marley ha rappresentato ideologie di liberazione nazionale e di potere nero, multiculturalismo, pluralismo universale e, ultimo, transnazionalismo. Sin dai suoi esordi per Leslie Kong e Coxsone Dodd la produzione discografica di Marley è stata profondamente permeata, in maniera semplice e scevra da ogni forzatura, da queste tematiche.
    Rebel Songs sarà un live in edizione limitata, impreziosito da una scaletta costruita per questo speciale appuntamento. I Midnight Ravers, formazione inedita composta da musicisti provenienti da progetti tra i più diversi ma incredibilmente complementari daranno vita ad un tributo al Marley rivoluzionario, attivista civile e acuto osservatore della società globale in rapida evoluzione. Questa volta con loro, a cantare nella Giungla, ci sarà la voce di Sandro Joyeux e la sua visione “globale” delle musiche e dei profumi di tutti i sud del mondo.