• Calamari
  • Dente, Gianluca De Rubertis [Il Genio], Enrico Gabrielli, Federico Dragogna e Fpunto [Ministri]

  • Un gruppo poco coeso, una manica di imbecilli, gente per nulla affidabile.

    Un parto notturno, l’invenzione che non mancava, la sorpresa che ci aspettavamo. Stanchi di dover rispettare sempre il solito canovaccio, concerto dopo concerto, cinque artisti dell’Italia che si innamora e canta hanno dato vita ad un gruppo di delirio organizzato.
    Dente, Gianluca De Rubertis (Il Genio), Enrico Gabrielli (Calibro 35, Mariposa, Mike Patton), Federico Dragogna e Fpunto (Ministri) hanno appeso le scarpe al schiodo e indossato i vecchi scarponi da lavoro. Si sono messi intorno a una tavola e, complice il cibo ancor più che l’alcol, hanno ripreso in mano la tradizione cabarettistica milanese, quell’incredibile repertorio che faceva dell’incontro tra il Meridione emigrato e il Nord operaio l’immaginario perfetto in cui ambientare storie fantastiche e quotidiane.
    Il mondo di Jannacci, Gaber, Cochi e Renato, i Gufi, Ricky Gianco e Manfredi, Walter Valdi, Dario Fo. Repertorio vasto e illimitato a cui i nostri hanno apportato brani originali scritti sulla falsa riga dei modelli e parodiato nuovi autori del pop nostrano (Max Pezzali, Umberto Tozzi e molti altri).
    Lo spettacolo dura un’ora e mezza, tra sketches degni di Monty Phyton e freddure alla Squallor, scaletta intercambiabile, oltre quattro ore di repertorio.

    Line up:
    Dente: chitarra e voce
    Gianluca De Rubertis: piano, voce e aerosol
    Enrico Gabrielli: fiato e voce
    Federico Dragogna: chitarra e voce
    Fpunto: chitarra, banjo e voce

  • Servizi disponibili: