• 99 Posse
  • h 20.30 - lettura di Petrolio di Pier Paolo Pasolini a cura di Michelangelo Dalisi e Diego Sepe
    [il romanzo verrà letto integralmente nell'arco dei 36 giorni; ogni giorno verranno lette circa 15 pagine]
    h 21.30 - 99 Posse
    a seguire - Monkey Shout dj set: dj:ego & king Mi.Da. [rocks, breaks & electrics]

  • nell’ambito di Petrolio
    17 novembre/22 dicembre 2012
    Angelo Mai Altrove Occupato

    99 Posse
    ’0 Zulù (Luca Persico) – voce
    Marco Messina – campionatore e Dub Master
    JRM (Massimo Jovine) – basso
    Sacha Ricci – tastiere

    Il 10 maggio 1991 nasce il centro sociale occupato autogestito Officina 99. Il 9 ottobre dello stesso anno nasce la 99 Posse, come diretta espressione del C.S.O.A. e delle nuove culture urbane che trovano nella musica un veicolo potente. Il primo storico singolo della 99, “Rafaniello” e “Salario Garantito”, da la stura a quell’ onda rap e raggamuffin che segnerà una svolta epocale nella musica popolare italiana.

    Il primo album della 99 Posse, “Curre Curre Guagliò”, esce nel ’93 e grazie alla sua capacità di comunicare l’esistente in maniera diretta e immediata, rientra fra quei prodotti culturali che hanno contribuito a interrompere il rapporto di vergogna verso la propria storia e verso la propria lingua che per più di un decennio aveva impedito un solido abbraccio fra arte e realtà sociale. Per questo, in breve diventa il manifesto di una intera generazione. Nel 1994 la 99 Posse getta i semi di quello che oggi è un ulteriore impegno del gruppo: l’etichetta discografica Novenove, che lavora per dare voce a quegli artisti che, dati i temi e le aree di appartenenza, non troverebbero spazio nell’ingessata industria musicale italiana.

    Il 1998 é in tutti i sensi l’anno del “Corto circuito”: il gruppo fa un salto e finisce per vendere oltre 160.000 copie dell’album “Cerco tiempo”. Band dinamica per definizione (la Posse è un gruppo di persone che lavorano ognuna nel suo campo al medesimo progetto), sembra essersi stabilizzata nella formazione di cinque elementi e il passaggio a una visibilità forte non muta affatto né il loro rapporto con il pubblico, né il loro rapporto con il politico né la loro spinta alla sperimentazione sonora; l’album in uscita nel 2000, “La vida que vendrà”, ne è la prova più tangibile. Tutti gli album e tutti i mix sono usciti fin dall’esordio a prezzo politico o prezzo imposto.

    Nel 2003, i 99 Posse prendono strade diverse e si dedicano a progetti e collaborazioni con altri gruppi e musicisti: Al Mukawama, Jovine, Retina.it, Nous…

    Nel 2009 i 99 Posse tornano ad esibirsi insieme a Piazza del Gesù a Napoli, in un concerto organizzato dai movimenti napoletani contro la repressione e contro l’arresto di 21 attivisti per i fatti del G8 dell’Università di Torino, e ufficializzano la loro riunione. Seguono 85 concerti in giro per la penisola con puntate a Londra ed in Spagna. Nel 2011 esce il nuovo album dal titolo “Cattivi Guagliuni” prodotto dalla Novenove e distribuito da Artist First; il videoclip che anticipa l’album è stato girato da Abel Ferrara.

  • Servizi disponibili:
  • Prezzo dell'evento: 8 euro