• Riprendiamoci la città!
  • #angelomaisubito #angelomainonsitocca #laprimaveradiroma

  • Roma, 21 marzo 2014

     

    Oggi è Primavera. La Primavera di Roma.

    Gli artisti, cittadini, gli abitanti del Parco di San Sebastiano, gli spazi sociali occupati e autogovernati, le lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della conoscenza, tutti coloro che credono fermamente nelle esperienze di innovazione sociale, artistica e culturale hanno lanciato ieri un appuntamento pubblico per riprendersi l’Angelo Mai.

    Il parco San Sebastiano era pieno di blindati della polizia a “presidiare” lo spazio.

    Ma è stata la città a presidiare.

    La città ha presidiato il parco fino a notte di fronte all’Angelo Mai. La città che sa che queste esperienze rappresentano un’alternativa concreta e praticabile alla crisi culturale e sociale, la città che crede che l’amministrazione pubblica di questa città indugi troppo a prendere una posizione concreta rispetto al gravissimo attacco sferrato nei giorni precedenti ai movimenti del diritto all’abitare e a tutti quegli spazi che rivendicano autonomia e indipendenza. La città che sa che le dichiarazioni preoccupate e i buoni propositi non bastano e dichiarano apertamente l’incapacità di questa amministrazione a governare la città.

    Associazione a delinquere, estorsione, sigilli, sequestri, perquisizioni agli spazi che si fanno promotori di una rivoluzione culturale e politica, agli spazi che rispondono al bisogno di confronto e di partecipazione della cittadinanza, a chi ha attenzione al territorio più prossimo, a chi si occupa di contemporaneo, a chi apre spazi d’incontro e di scambio dei saperi, a chi favorisce l’interazione tra generazioni e tra persone di provenienze differenti, a chi crea socialità diffusa.

    Tra le attività criminali dell’Angelo Mai ci sono i laboratori di scrittura e teatro rivolti alle bambine e ai bambini della scuola elementare Giardinieri, gli incontri settimanali di un gruppo di ragazzi affetti da disturbi psicomotori, le rappresentazioni teatrali dell’asilo, le feste dei bambini del quartiere, le raccolte fondi per la costruzione di un asilo nido a Gaza, gli innumerevoli concerti e spettacoli di artisti italiani e internazionali prodotti e coprodotti, la costante produzione artistica e la formazione permanente rivolta alle varie professionalità dello spettacolo.

    Nel frattempo continuano le perquisizioni e i fermi a chi lotta quotidianamente per il diritto all’abitare.

    Il primo giorno di questa Primavera questa città rivendica con forza la sua legittima illegalità come forma non solo di resistenza ma di proposta vitale e di autodeterminazione.

    Questa città non si ferma. Questa città si riprende l’Angelo Mai.

    #angelomaisubito #angelomainonsitocca #riprendiamocilacittà #laprimaveradiroma

     

    La prima vera (di) Roma

  • Altri eventi oggi: